VENTIQUATTRO ORE DI FILA IN GARA

Antonio Mammoli l’ultramaratoneta, grande sostenitore del cammino quale fonte di benessere e salute si cimenterà il prossimo 23 e 24 febbraio in una nuova sfida carica di fascino e passione ma anche di grande impegno e grande sacrificio: la 24 ore di Helsinki .

Antonio ha terminato proprio oggi la parte più importante della preparazione  “macinando” ben 180 Km nell’ultima settimana.
Ora un periodo di “scarico”e poi la partenza verso la capitale finlandese per correre ininterrottamente per 24 ore.
Una sfida incredibile dove protagoniste sono oltre le capacità atletiche, le grandi capacita mentali e di concentrazione che Antonio possiede.

ALLA “NOVE COLLI ” PER LA 15ESIMA VOLTA:

un record mondiale.

l’Uomo d’acciaio, Flash Gordon o come volete: Antonio Mammoli questi soprannomi se li merita tutti. Già, perché a 57 anni è un’icona del podismo italiano, un mito vero e proprio. Elencare le sue imprese richiederebbe pagine intere, quindi limitiamoci all’ultima: ha partecipato per la 15esima volta alla «Nove colli», 202 km di percorso con partenza e arrivo a Cesenatico, ultramaratona tra le più toste del mondo.
Un record che nessuno ha mai fatto. «Ogni cinque partecipazioni danno un piatto – spiega sorridendo – e siccome avevo quello del quinto e quello del decimo… volevo completare la collezione!».

Per finire il cammino ha impiegato 27 ore e due minuti, dopo aver lambito San Marino e la provincia di Pesaro Urbino. E’ arrivato 13° su 130 partecipanti da tutto il mondo, anche dalla Sud Corea, ma è così dura che solo un terzo arriva fino alla fine.

Luciano Battiston Intervista a Antonio Mammoli